info@portoseguroeditore.it

L’ultimo sonno

Autore: Federica Bertellotti

Isbn: 9791254922927 
Copertina flessibile

Pag. 218

15,20

Descrizione

Mayfair, 1858. Nella quiete di un’imponente magione di un nobile londinese un misterioso sconosciuto emerge dall’ombra e sembra del tutto intenzionato a portare avanti una vendetta personale. Seduto alla sua scrivania viene obbligato a scrivere una lettera, il contenuto e il destinatario vengono svelati dopo un viaggio a ritroso che ripercorre la vita di Landon, giovane timido ed emarginato che trova in Akin una nuova speranza. Nella notte, tra la penombra dei vicoli e sui tetti solcati dalla classica pioggia fine e incessante inglese, si snodano le pagine di questo romanzo che unisce due mondi: quello maledetto per l’eternità per aver stretto un patto infrangibile con il male e quello dei reietti condannati da una mentalità vigliacca e ignorante, capace solo di segnare in maniera indelebile un giovane ragazzo. Akin e la sua compagnia di vampiri serpeggiano nel buio di Londra in cerca di anime da soggiogare, mai avrebbe pensato che un ragazzo indifeso come Landon potesse fargli provare di nuovo delle emozioni.  

 

 

Federica Bertellotti (1993) nasce a Pietrasanta, sceneggiatrice per la casa di cinema indipendente Capoverso Production e Red Planet Video Production. L’amore per la scrittura la accompagna da sempre: a diciassette anni ha pubblicato il suo primo romanzo e nel dicembre 2021 una sua novella è entrata a far parte di un’antologia. L’ultimo sonno è la sua prima pubblicazione con Porto Seguro Editore. 

2 recensioni per L’ultimo sonno

  1. Floriana

    Una bellissima riflessione sulla società e sull’animo umano che ti trasporta nella oscura Londra ottocentesca e ti incolla alle pagine grazie alla scorrevolezza delle vicende e alla caratterizzazione dei personaggi. Davvero una perla della letteratura dark contemporanea.

  2. Marco Lupo

    Ho letto quest’opera e sin dai primi capitoli è possibile coglierne la profondità: non abbiamo davanti un classico romanzo storico che si limita a narrare eventi reali o immaginari avvenuti in un’epoca distante dalla nostra, ma uno scorcio sull’atteggiamento ottuso di una società trincerata dietro i propri dettami morali e incapace di concepire la diversità e la sensibilità. Le parole dell’autrice riescono a farci percepire ogni stato d’animo dei protagonisti, stati d’animo che appariranno molto più vicini di quanto si possa pensare. La lettura si dimostra scorrevole, ma mai banale, grazie ad uno stile semplice e al tempo stesso erudito, nonché a una corretta ambientazione storica, segno di uno studio accurato. Non nego di aver letto questo romanzo tutto d’un fiato e lo consiglio vivamente a chiunque apprezzi il genere.

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cerca

Categorie

Prodotti correlati