In offerta!

Sensitive

(2 recensioni dei clienti)

13,90 11,50

Autore: Vivian Ley

ISBN: 9788855460255
Copertina flessibile;
Pag. 146

Categorie: , , Tag: ISBN: 9788855460255

Descrizione

Scrive Vivian Ley: «Chissà poi per quale strana ragione si sottrae la bellezza primigenia dell’incanto a favore dell’oscurità».
La raccolta Sensitive è attraversata da un leitmotiv oscuro, lento, insidioso, invadente e disturbante, che, come una lama affilata, infligge una pena delittuosa al suo lettore. La violenza che alberga l’animo umano è il tema che ispira tutta la raccolta. L’uomo è ricettacolo dei sentimenti più bassi dell’essere umano: la rabbia, la gelosia accecante, la sessualità esperita nella forma più bassa e triviale, l’odio e il desiderio efferato di vendetta sono solo alcune delle dimensioni esplorate dalla scrittrice che, però, non si limita ad accendere un focus sulla brutalità dell’esistenza. Se il leitmotiv è la violenza, il controcanto è la capacità di prendere le distanza da un mondo in cui la barbarie ha la meglio, per attraversare le macerie della distruzione assoluta e rinascere nella bellezza della vita.
Vivian Ley è il cantore della tragedia umana moderna.

Vivian Ley è un nom de plume. La vita dell’autrice resta un mistero sconosciuto. Le sue opere sono l’esempio manifesto dei suoi valori, delle sue credenze e delle sue azioni.

2 recensioni per Sensitive

  1. Margherita

    “Sensitive” di Vivian Ley è un libro diverso da tutti gli altri.
    È intenso e allo stesso tempo coinvolgente. La scrittura ha una cadenza ritmica ben precisa, che evoca atmosfere emotive e psichiche stranianti: i personaggi sembrano arrivare dal nulla e andare nel nulla, creature dissuase dall’essere se stesse. La potente fascinazione onirica dell’opera restituisce a livello sensoriale la dinamica psicoanalitica del perturbante. La scrittura è erotica e magnetica fino allo stremo, la sensazione che resta a chi legge è di avere partecipato a una lotta all’ultimo sangue avvenuta sul ring, dove i pugni sono stati sganciati con perizia. Ogni storia presenta la costruzione di un ego narrativo fittizio ardito, che consente una interpretazione multifocale della narrazione. Assolutamente da leggere per chi vuole un libro che non risparmia, non edulcora, non semplifica niente a nessuno.

  2. Orlando

    Un libro che mi ha fortemente suggestionato. Il ritmo della narrazione sembra una cantilena lenta e suadente che invade i sensi del lettore. Uno stato ipnotico si impossessa di chi si approccia alla lettura, una tensione che spinge a divorare le pagine durante la lettura

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *