In offerta!

Il sarto di Palermo

(1 recensione del cliente)

15,50

Autore: Sergio Costanzo

ISBN: 9788855463065
Copertina flessibile;
Pag. 354

COD: 9788855463065 Categoria: Tag: ,

Descrizione

Palermo, 1575. In una città in bilico tra le radici arabo normanne e la dominazione spagnola, il giovane Bernardo dell’Abaco, undicesimo discendente di Leonardo Fibonacci, viene mandato dai genitori al vicino castello di Trabia nel tentativo di preservarlo dall’epidemia di peste. Qui è severamente educato da donna Lucrezia Gaetani, nobile di antica stirpe pisana. Bernardo cresce e si fortifica tra solitudine, fatica e soprusi, cullando il sogno di diventare un sarto, come il padre, e confezionare l’abito perfetto. Ma i suoi stretti legami con la Confraternita della Nazione Pisana, la sua cultura e il suo censo, gli impongono scelte diverse. Si innamora di una donna di popolo, l’elegante schiava di una famiglia spagnola: il loro amore si consacra tra mille difficoltà in una Palermo segnata da rivolte e lotte di potere. Il sarto di Palermo è un omaggio all’arte, alla storia, alla bellezza e al potere che la conoscenza esercita sulle umane menti, ma è anche un affresco a tinte forti delle bassezze di cui solo l’essere umano è capace.

1 recensione per Il sarto di Palermo

  1. Anita

    Costanzo narra la storia di Bernardo dell’Abaco, figlio di un sarto palermitano e lontano discendente del matematico pisano Fibonacci. Costretto ad abbandonare la famiglia e mettersi al riparo da un’epidemia di peste, il giovane Bernardo lascia Palermo e viene affidato alla castellana Lucrezia Gaetani; essa gli rivela l’esistenza di una Confraternita di pisani sfuggiti al governo fiorentino e rifugiatisi in Sicilia. I casati e i personaggi presenti in questo libro sono numerosissimi e realmente esistiti; Costanzo li riporta in vita, dando prova di una ricerca storica approfondita e meticolosa.
    Salvo qualche svista dell’editor, lo stile narrativo è scorrevole e a tratti poetico, i dialoghi ripropongono il modo di parlare dell’epoca, gli eventi riportati rendono al lettore un quadro completo del periodo storico trattato: la vita di Bernardo funge da finestra su uno spaccato cinquecentesco del vicereame di Sicilia, con tanto di digressioni sui rapporti tra la cattolicissima Spagna e i paesi arabi di fede musulmana. Interessante anche il tema della schiavitù.
    Ho particolarmente gradito che le relazioni amorose non abbiano assunto un ruolo troppo invadente nella vita del protagonista, come spesso accade nei romanzi storici; il giovane dell’Abaco cresce e diventa un uomo sensibile, dal passato travagliato, ho dunque apprezzato che la sua sofferenza non sia stata banalizzata da una storia d’amore, ma che Bernardo abbia invece incanalato le sue energie nella ricerca della felicità attraverso la conoscenza delle sue radici. La vera trama del romanzo di Costanzo è la costante tensione tra la volontà di scoprire la verità sulla Confraternita e la condanna verso i misfatti compiuti dai suoi membri; la Storia è la vera protagonista, Bernardo è il veicolo per disvelarla.

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *