In offerta!

Il gioco delle coppie

(1 recensione del cliente)

12,50

Autore: Graziano Caminiti

ISBN: 9788855462334
Copertina flessibile;
Pag. 164

COD: 9788855462334 Categoria: Tag:

Descrizione

Nel caldo (quasi) estivo della Toscana, un intero paese in provincia di Pisa viene sconvolto dal ritrovamento di un cadavere in un bosco del territorio. Gianni, il protagonista, è un curioso autista di scuolabus che non può fare a meno di immischiarsi nelle indagini, accompagnato dalla fedele cagnolina Emma. I suoi aiutanti principali sono i bizzarri personaggi che frequentano il bar del benzinaio, la parrucchiera e ovviamente i piccoli passeggeri dello scuolabus. Il purminista aiuterà la Municipale nel suo tentativo di dipanare gli intrighi segreti di questo gioco delle coppie, così da far tornare il paese alla normalità.
Il lettore avrà così di fronte un giallo lieve ma apparentemente inestricabile, popolato da personaggi originali e divertenti. 

Graziano Caminiti ha 39 anni e di professione è autista di scuolabus. Appassionato di libri, fumetti e cinema, ha già autopubblicato la serie Cose da purminista e il racconto Il Cinema.  

1 recensione per Il gioco delle coppie

  1. Biblioteca Mentale

    Letto tutto d’un fiato!
    Il genere è giallo, ma anche comico a causa dello spassoso (e assai sboccato!) stile narrativo.
    La storia è ambientata a Calcinaia, nella rustica Toscana contadina dove succede poco o niente, e quando succede qualcosa di insolito, nessuno sa bene come comportarsi: per Gianni, autista di scuolabus nonché protagonista, è impossibile “farsi i ca**i sua” quando viene rinvenuto un cadavere nel bosco di Montecchio, e col suo intuito sarà di grande aiuto all’imbranato agente Guidi, responsabile delle indagini.
    Lo scenario è costellato di personaggi autentici, dalle personalità frizzanti e spigliate: i vecchi “Justin” e “Cencio”, pensionati che per poco non hanno preso la residenza al bar, l’impicciona parrucchiera Gina, e i simpatici bambini che il “purminista” accompagna quotidianamente a scuola.
    Meno ilari sono i tre principali sospettati dell’omicidio di Fabrizio Tomei: sua ex moglie Silvia, la sua amante Pina e Giorgio, amante di Silvia. A questi quattro personaggi fa riferimento il titolo, ma per scoprire l’identità dell’assassino non saranno sufficienti le ipotesi, occorrerà spremersi le meningi e indagare a fondo… sporcarsi le mani!
    Lasciatemi dire che, oltre a essere una lettura scorrevole e originale (anche per l’impostazione dei capitoli e dei vari piani narrativi), questo libro è un’omaggio alla campagna pisana e alla mentalità di paese; tutti si conoscono, i segreti non sono mai davvero tali, la vita scorre semplice, pigra e monotona. Ho apprezzato che la mancanza di esperienza dell’agente Guidi si sia ripercossa sulle indagini, l’ho trovato realistico, sarebbe stato assurdo se si fosse trasformato nel supereroe di turno e avesse risolto il caso in un pomeriggio.
    Questo romanzo è di stampo Verista, a parer mio: non inganna, pur essendo opera di fantasia, racconta eventi che potrebbero accadere nel modo esatto in cui si svilupperebbero.
    Il dialetto vivo dei personaggi trascina il lettore a Calcinaia, nello scuolabus di Gianni, nel bar di Luca e nell’ufficio dell’agente Guidi… mi piacerebbe sapere se i non-toscani riescono a capire e, soprattutto, apprezzare questo nostro gergo ruspante!

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *